RIFUGIATI (19' 30'')
Nella prima puntata la storia di Antoneta, profuga diciassettenne, proporrà una riflessione sui rifugiati, un dramma che ha caratterizzato nel 1999 il grande impegno umanitario nei Balcani.
A cura di:
Giovanna Cossia
Marco De Poli
Ha collaborato:
Angela Barbagallo
Anno: 1996
Durata: 13'
Supporto: Betacam
Video
Introdotti da una scheda esplicativa, seguono vari interventi sui cambiamenti che il mondo "globalizzato" esercita nella nostra realtà quotidiana e nei rapporti economici e sociali; tra gli altri, un'intervista al Premio Nobel per la letteratura José Luis Saramago. Seguono una testimonianza diretta e immagini della contestazione al Vertice dell'Organizzazione Mondiale del Commercio a Seattle. Alcuni esempi di realtà quotidiane - rurali e urbane - in Guatemala, a Bombay, al Cairo e in Armenia, che non ci vengono quasi mai mostrate, offrono più delle parole il vero volto della "globalizzazione".
In apertura, intervista a Fabio Fazio, che raccoglie firme a sostegno della campagna "Sdebitarsi"; seguono interviste a Luca De Fraia e al teologo Giulio Girardi sulla remissione del debito nell'anno del Giubileo; e le posizioni di esponenti di alcuni paesi "debitori" del sud del mondo. Entriamo infine nella realtà quotidiana di un villaggio del Ghana, paese in cui il reddito pro-capite equivale al debito che ognuno dei suoi 18 milioni di abitanti si trova ad avere fin dalla nascita: 400 dollari a testa, che corrispondono a 40 milioni di lire per ogni italiano.
Introdotta da un intervento di Monsignor Belo, Vescovo di Timor Est e Premio Nobel per la Pace, la puntata prosegue con un'intervista al legale turco del leader curdo Ocalan. L'America Latina è il continente che ha visto forse più di ogni altro negli ultimi anni la sistematica violazione dei diritti umani, come ci ricordano due testimonianze dal Guatemala. Il giudice Gherardo Colombo ci parla delle norme che pongono fine all'impunità internazionale per i governanti che si sono macchiati di crimini contro il proprio popolo, come nel caso dei desaparecidos argentini di origine italiana, con testimonianze delle Madres de Mayo.
In questa puntata si gettano sguardi su realtà lontane "entrate" nella nostra vita di tutti i giorni con l'immigrazione. Nazioni come gli Stati Uniti in cui il 99% della popolazione è composto da immigrati e discendenti di immigrati hanno saputo gestire l'immigrazione come risorsa, mentre in Italia si vede spesso l'immigrato ancora come una minaccia. Ad alcune interviste, realizzate al convegno del COCIS "Immigrazione e sviluppo", segue un servizio sulla mostra Sola andata, promossa dal CIES e dal comune di Reggio Emilia. Entriamo poi nella realtà di una comunità di immigrati: i Filippini, uno dei primi e più numerosi flussi migratori verso l'Italia. Un mondo con diversità, problemi, aspettative e speranze.
Le giovani generazioni in paesi non colpiti dal calo demografico costituiscono, e a volte superano, il 50% della popolazione totale.Una realtà variegata e complessa, il futuro stesso dell'umanità, a cui URIHI ha dedicato tre pacchetti didattici per le scuole - 10 documentari ambientati in Africa, Asia e America Latina - distribuiti anche in libreria dalla EMI. Molti di questi ragazzi sono coinvolti ogni giorno in drammatiche situazioni di conflitto; come vittime, ma anche come bambini-soldato. Un fenomeno doloroso e sconvolgente, che è stato approfondito per noi dalla sociologa messicana Maria Eugenia Villareal. Bambini che si prostituiscono, bambini di strada, bambini che lavorano: alcune facce della condizione minorile affrontate nel convegno "Costruttori del futuro", a Milano presso l'Istituto Universitario di Lingue Moderne. Anche in diversi paesi dell'Europa dell'Est la caduta dei regimi comunisti ha avuto come conseguenza squilibri economici e sociali drammatici, che hanno colpito duramente la parte più giovane della popolazione.
E' la definizione usata per indicare quelle complesse situazioni, provocate da catastrofi naturali o causate dall'uomo, come guerre tra stati e conflitti interni. Per fare fronte a questi focolai sempre più frequenti, un gruppo di ONG ha indetto a Roma un incontro, per formulare proposte di collaborazione con il governo e la società civile, focalizzando tre grandi aree di crisi, che hanno visto negli ultimi anni l'impegno e gli sforzi della cooperazione italiana. Dall'America Centrale alla Somalia, alla cosiddetta area Balcanica, passata da una fase di guerra aperta ad un difficile cammino di pacificazione.
A una scheda introduttiva segue la presentazione del libro Quel che resta del mondo, in cui a otto anni dalla Conferenza Mondiale sull'Ambiente di Rio de Janeiro vengono proposte testimonianze e riflessioni sulle tante ferite di questa nostra terra. Emma Cucchi, medico volontario, affronta il delicato e discusso problema della coca; mentre Padre Angelo Pansa, missionario saveriano in Brasile, ci parla della deforestazione e successiva desertificazione in Amazzonia.
Le contadine, una categoria sociale quasi invisibile, che comprende però oltre un miliardo di persone nei cinque continenti. Al loro insostituibile lavoro è dedicata in tutto il mondo la giornata del16 ottobre. In collaborazione con la FAO, URIHI ha realizzato La donna nutre il mondo: un progetto di informazione-video che mostra alle donne dei cinque continenti differenze, ma anche analogie, nelle loro condizioni di vita e di lavoro agricolo.
Le tante contraddizoni irrisolte del nostro pianeta sembrano trovare il loro acme in Africa: il più povero dei continenti, nonostante le innumerevoli ricchezze naturali: comunemente sinonimo di guerre endemiche, sottoalimentazione, malattie e vertiginoso aumento della popolazione. Eppure c'è un'altra Africa: attiva, laboriosa, che cerca nuove strade e nuove soluzioni a problemi di importanza vitale, come mostriamo in due servizi girati in Ghana e Costa d'Avorio.
A cinque anni dalla Conferenza mondiale sulla donna indetta dalle Nazioni Unite a Pechino, molti degli impegni sottoscritti dai governi sono rimasti sulla carta, ma il movimento delle donne trova nuove opportunità di coesione, di crescita e di lavoro nelle realtà locali, dall'Irlanda al Guatemala, dall'India all'Africa. Anche il dramma quotidiano di milioni di donne afgane, cancellate dalla vita sociale, non può essere ignorato. Ma già le più giovani si organizzano per resistere.