URIHI (Ufficio Ricerca Indigeni Habitat Interdipendenza) significa terra nella lingua degli Yanomami, una delle ultime etnie indigene dell’Amazzonia brasiliana.
L’associazione nasce come progetto di scambio reciproco di informazione e comunicazione tra il Sud e il Nord del mondo.

URIHI si propone come strumento per:
- rompere il monopolio dell’informazione e la parzialità dei grandi canali di comunicazione, che offrono del sud del mondo un'immagine prevalentemente sensazionalista e catastrofista;
- documentare in maniera diretta la realtà di questi paesi, per creare un circuito di diffusione alternativa;
- contribuire ad un’apertura alla mondialità e alla crescita di una maggiore sensibilità ed attenzione ai rapporti tra il nord ed il sud del mondo, sviluppando temi quali: il sottosviluppo; le nuove povertà; la condizione dei nativi, delle donne, dei bambini, degli immigrati.

URIHI offre: 

- una struttura di servizio per istituzioni, enti pubblici, associazioni, ONG, e tutte quelle realtà che vogliono realizzare e diffondere pubblicazioni, inchieste, reportages, documentari, sulle tematiche suddette;

- un centro di documentazione con materiale bibliografico, fotografico, musicale e video;

- una struttura produttiva per riprese e montaggio in video a livello professionale; e per la loro distribuzione televisiva e sul territorio.


URIHI organizza:

- mostre, conferenze e rassegne video.
Si rivolge particolarmente alle scuole, con programmi educativi e iniziative concrete di solidarietà.

URIHI si sostiene:
- attraverso il lavoro volontario dei soci, il contributo degli aderenti e delle varie istituzioni pubbliche e private, italiane e internazionali con le quali collabora per la realizzazione di progetti specifici.